ti trovi in: Governo Berlusconi ╗ Impresa
Riforma della pubblica amministrazione
  • semplificazione delle norme e delle procedure per i cittadini e per le imprese,
  • miglioramento dei servizi,
  • diffusione delle tecnologie informatiche e formazione del personale a cominciare dai dirigenti,
  • osservatorio permanente dell'opinione pubblica sull'operato della Pubblica Amministrazione,
  • diffusione dell'innovazione tecnologica,
  • miglior utilizzo dei fondi comunitari,
  • norme per la prevenzione e il contrasto della corruzione e degli illeciti.
Semplificazione delle leggi
  • Delega al Governo per abrogare circa 500 leggi, semplificare il linguaggio e le procedure, raccogliere le norme in codici unici per: sicurezza sul lavoro, assicurazioni, incentivi alle attività produttive, prodotti alimentari, tutela dei consumatori, internazionalizzazione delle imprese, informatizzazione della Pubblica Amministrazione, Corpo nazionale dei vigili del fuoco.
  • Atti e procedure più semplici per l'imprenditoria privata, registro informatico unico degli adempimenti richiesti alle imprese, e banca dati unica per la legislazione sul pubblico impiego.
  • Testi unici per singole materie (tutela maternità e paternità, protezione dei dati personali, proprietà intellettuale, pubblica amministrazione digitale, ambiente, infrastrutture e trasporti, beni culturali), un nuovo Codice tributario e la semplificazione della procedura di cancellazione di imprese e società dal registro delle imprese e dall'archivio delle Camere di Commercio.
  • Commissione parlamentare rappresentativa di tutti i partiti per cancellare le norme anteriori al 1° gennaio 1970 ritenute obsolete e non più necessarie.