ti trovi in: Governo Berlusconi ╗ Riforma del sistema radiotelevisivo
Riforma del sistema radiotelevisivo. Glossario

Affollamento pubblicitario

Gli spot pubblicitari sono soggetti a un limite orario che per le televisioni commerciali è fissato al 18% per ora di trasmissione.
Vi è inoltre un limite quotidiano che è fissato al 15%, ed elevabile al 20% comprendendo anche  telepromozioni e televendite, fino a un massimo di un'ora e 12 minuti al giorno.
Per le tv locali il limite quotidiano di affollamento pubblicitario è del 40%, comprese le televendite.

Antitrust

La legge fissa nel 20% del Sic il limite massimo della raccolta pubblicitaria per ogni soggetto presente nel mercato.
Altri limiti riguardano il numero dei programmi televisivi e radiofonici irradiabili: al momento della completa attuazione del piano nazionale di assegnazione delle frequenze radio e tv in tecnica digitale, uno stesso soggetto non potrà diffondere più del 20% dei programmi.

Codice di autoregolamentazione tv e i minori

È un accordo sottoscritto il 29 novembre 2002 dal Ministro delle Comunicazioni e dai rappresentanti delle emittenti televisive nazionali e locali, che punta a proteggere i minori da quanto può nuocere al loro sviluppo fisico, psichico o morale. Pone limiti alla volgarità e la pornografia e amplia la fascia protetta dalle ore 16 alle ore 19.
Il codice prevede sanzioni che vanno dalla censura (richiamo) alle multe, dalla soppressione del programma alla sospensione della licenza. Inoltre è stato istituito un comitato di controllo di quindici esperti.

Digitale terrestre

Il digitale terrestre applica alla televisione tradizionale le tecnologie sperimentate nelle trasmissioni attraverso il satellite. Il segnale passa da analogico a digitale ma continua ad essere trasmesso via etere. Le trasmissioni irradiate con il nuovo sistema possono essere viste utilizzando un decoder o un ricevitore digitale (non è necessaria la parabola).
La trasmissione digitale permette, a parità di frequenze utilizzate, un maggior numero di programmi irradiabili (fino a 144) e una migliore qualità del segnale. Inoltre rende possibile l'implementazione di servizi interattivi.

Interconnessione

Si tratta della possibilità per reti televisive diverse di trasmettere contemporaneamente gli stessi programmi. Con la riforma le tv locali possono trasmettere in interconnessione per 12 ore al giorno. Se l'interconnessione avviene con una rete satellitare o con una emittente estera il limite si abbassa a sei ore. 

Proprietà incrociata

Si tratta della proprietà da parte degli stessi soggetti di emittenti televisive e giornali.
Chi possiede più di una rete televisiva non potrà avere partecipazioni in imprese editrici di quotidiani o fondarne di nuove fino al 31 dicembre 2010. Chi possiede quotidiani può invece acquisire emittenti televisive.

Reti locali

Sono i soggetti che svolgono l'esercizio dell'attività di radiodiffusione televisiva o radiofonica in ambito locale, in uno o più bacini di norma regionali o provinciali purché riferiti rispettivamente a regioni o province limitrofe che servano una popolazione complessiva non superiore a 15 milioni di abitanti.
Le imprese locali possono avere sino a tre concessioni rispetto alla sola consentita finora. Uno stesso soggetto può arrivare fino a sei concessioni o autorizzazioni se si riferiscono a bacini non limitrofi. Le tv locali possono interconnettersi fino a dodici ore al giorno. In caso di trasmissione da canali satellitari (Sky) o emittenti estere il limite di interconnessione è di sei ore.

Sevizio pubblico

È ridefinita la nozione di servizio pubblico. Sono indicate 15 aree di obblighi che compongono il servizio pubblico: dalla copertura integrale del territorio a una quota prestabilita di ore assegnate a programmi di educazione, informazione e cultura; dai programmi per gli italiani all'estero alle infrastrutture per il digitale.
Inoltre, secondo la legge di riforma, l'attività di informazione radiotelevisiva, da qualsiasi emittente esercitata, costituisce un pubblico servizio.

Sic - Sistema integrato delle comunicazioni

Il Sic è un "paniere" di cui fanno parte il canone, la pubblicità nazionale e locale, le sponsorizzazioni, le televendite, le telepromozioni, le promozioni di propri prodotti e servizi, le offerte televisive a pagamento, la stampa quotidiana e periodica, l'editoria elettronica diffusa tramite internet.
Il tetto antitrust per le aziende è fissato dalla legge al 20% del Sic, mentre scende al 10% per le società di telecomunicazioni i cui ricavi superano il 40% dei ricavi complessivi del mercato dei servizi di telecomunicazione.